27 Sicur.Con. Corso per Dirigenti e Preposti | Home

PARTNER

SEGUICI SU FACEBOOK

Newsletter

Vuoi essere aggiornato sui nostri corsi?
Cosa aspetti? Registrati alla nostra newsletter...
bastano pochi click...


Iscriviti ora!



Torna Indietro

Corso per Dirigenti e Preposti

Dirigenti e Preposti


Obiettivi

Il D.Lgs 81/2008 sollecita la necessità della partecipazione attiva dei dirigenti e dei preposti sugli aspetti destinati a garantire la sicurezza sul lavoro, definendo specifici obblighi e responsabilità (art. 18 e 19) e conseguenti sanzioni (art. 55 e 56).

Inoltre l’art. 37 del nuovo decreto sulla Salute e Sicurezza sul Lavoro, prevede l’obbligo per dirigenti e preposti di un’adeguata e specifica formazione e un aggiornamento periodico in relazione ai propri compiti in materia di salute e sicurezza del lavoro, a cura del datore di lavoro, che deve riguardare i seguenti temi:

a) i principali soggetti coinvolti e i relativi obblighi,

b) la definizione e individuazione dei fattori di rischio,

c) la valutazione dei rischi

d) l’individuazione delle misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e

protezione.

Il corso si propone di fornire un quadro generale sulla Salute e Sicurezza sul Lavoro, sulle responsabilità insite nel ruolo e i relativi obblighi di legge, la valutazione dei rischi e indicazioni inerenti i rischi specifici dell’attività lavorativa.

I partecipanti verranno stimolati a migliorare la conoscenza del proprio ruolo, a comprenderne i limiti, a riconoscere le implicazioni legislative di cui tenere conto, a sviluppare gli strumenti cognitivi ed operativi per l’assolvimento delle proprie funzioni.

 

Destinatari

Il corso è rivolto ai dirigenti e preposti. Ricordiamo che quelle dei dirigenti e preposti non sono funzioni designate ex-novo in relazione alla normativa sulla sicurezza , ma sono figure che vanno identificate all’interno dell’organizzazione aziendale sulla base dei preesistenti contratti, mansionari, lettere di incarico, ecc.

Per meglio identificare tali figure è utile fare riferimento alle definizioni all’art. 2 comma 1 del D.lgs. 81/08:

d) «dirigente»: persona che, in ragione delle competenze professionali e di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dell’incarico conferitogli, attua le direttive del datore di lavoro organizzando l’attività lavorativa e vigilando su di essa;

e) «preposto»: persona che, in ragione delle competenze professionali e nei limiti di poteri

gerarchici e funzionali adeguati alla natura dell’incarico conferitogli, sovrintende alla attività

lavorativa e garantisce l’attuazione delle direttive ricevute, controllandone la corretta esecuzione da parte dei lavoratori ed esercitando un funzionale potere di iniziativa.

La recente giurisprudenza (Cassazione Penale Sez. III - Sentenza n. 22118 del 3.06.2008) indica che la qualifica di preposto in materia di prevenzione degli infortuni sul lavoro deve essere attribuita facendo riferimento alle mansioni effettivamente svolte in azienda più che a formali qualificazioni giuridiche.

Programma

Il corso ha una durata complessiva di 16 ore e prevede i seguenti contenuti:

  1. Legislazione in materia di sicurezza e prevenzione infortuni:
    1. Introduzione al D.Lgs. 81/08 ed alle altre norme vigenti;
    2. Evoluzione della normativa sulla sicurezza e igiene del lavoro;
    3. Obblighi generali previsti dalla legislazione
  2. I soggetti del Sistema di Prevenzione aziendale:
    1. Attribuzioni e competenze, obblighi e responsabilità;
    2. Il datore di lavoro, i dirigenti, i preposti e i lavoratori;
    3. Servizio di prevenzione e protezione (SPP) e Il Responsabile del SPP;
    4. Medico competente, sorveglianza sanitaria;
    5. Organizzazione per la gestione delle emergenze;
    6. Appaltatori, fornitori, progettisti, fabbricanti;
  3. Dirigenti e preposti:
    1. compiti e responsabilità e sanzioni Dirigenti e preposti come figure centrali dell’organizzazione sicurezza;
    2. I compiti di vigilanza sull’osservanza delle misure e delle procedure di prevenzione;
    3. Obblighi del dirigente e del preposto (art. 18 e 19 del D.lgs. 81/08);
    4. La delega dei compiti di prevenzione;
    5. Il sistema delle prescrizioni e delle sanzioni.
  4. Le misure di tutela e il documento aziendale di valutazione dei rischi:
    1. Organizzazione, compiti e finalità della sicurezza nei luoghi di lavoro;
    2. La valutazione dei rischi;
    3. Concetti di pericolo, rischio, incidente, infortunio, malattia professionale, prevenzione e protezione;
    4. Il documento di valutazione dei rischi: Contenuti e specificità:
      •  metodologia della valutazione e criteri utilizzati;
      • Individuazione e quantificazione dei rischi;
      •  misure di prevenzione adottate o da adottare;
      • Rischi generali e rischi specifici.
  5. Richiami generali alla sicurezza nell'ambiente ufficio:
    1. microclima, illuminazione, attrezzature, arredamento, utilizzo videoterminali, campi elettromagnetici, rischi correlati allo stress lavorativo, rischio incendi, rischio elettrico;
    2. Le verifiche periodiche obbligatorie di apparecchi e impianti;
    3. La gestione delle emergenze e le procedure;
    4. Uso e controllo dei DPI;
  6. Importanza di un modello di organizzazione e gestione alla luce delle previsioni del D.Lgs. 231/01 (responsabilità amministrativa delle imprese);
  7. Aspetti psicologici legati alla sicurezza e comunicazione.

Kit

Ai partecipanti verrà consegnata una dispensa con i contenuti didattici trattati durante il corso.

Al termine del corso,i partecipanti con il 90% della frequenza, devono conseguire l’idoneità mediante test di accertamento delle conoscenze acquisite. La verifica finale di apprendimento sarà effettuata tramite un test. Superato il test verrà rilasciato un Attestato di Frequenza.